preloder

Millefoglie al Marzemino: come tutti gli ubriaconi come me possono testimoniare, di vino non ce n'è mai troppo

Chi sono?

Sono un formaggio ubriaco di latte vaccino, semistagionato, prodotto in Veneto nella pedemontana tra Treviso e Belluno. Mi hanno ubriacato di vino Marzemino di Refrontolo passito, ma questo non prima di aver forato la pasta e lavorato la cagliata in modo tale da permettere al vino di infiltrarsi un po' dappertutto. In questo modo la mia crosta è diventata di un bel bordeaux acceso, e anche la mia pasta è un intersecarsi di linee rosso-bruni.

Mangiami

Subito ti colpirà il mio profumo alcolico, quasi inebriante; e una volta in bocca scoprirai la mia pastosità aderente, unita a un'inaspettata piccantezza della pasta. Questa piccantezza viene però catturata e arrotondata dalla dolcezza del vino, che domina interamente il retrogusto.

Come tagliarmi

La forma è un cilindro a scalzo abbastanza basso; con un coltello lungo a lama alta dovrai tagliare in due mezzalune la forma e a questo punto, partendo dal centro del cerchio originario, tagliare le fette a spicchi, affondando prima la punta del coltello e poi tutta la lama.

Come usarmi

Come tutti gli ubriaconi come me possono testimoniare, di vino non ce n'è mai troppo: quindi puoi affogarmi in un altro po' di Marzemino passito, o anche passiti di diversi uvaggi. Ma se vuoi puoi anche usarmi sbriciolato su un risotto all'Amarone, o su un tagliere di formaggi come finale della degustazione.

Dicono di me:

Ma io mi auguro ancora di avere il piacere di gustare una bella polenta con salsicce, una fonduta valdostana, un formaggio ubriaco, tutti quegli alimenti invernali che, complice il variare del clima, arricchiscono il territorio italiano.

Alfono Iaccarino “La cucina del cuore”




viale San Lorenzo 10, Pegognaga (Mn)

info@gourm.it

+39 0376 559539

IT01936420205



Privacy Policy