preloder

grana è solo padano!

chi sono?:

sono un formaggio a pasta dura prodotto con latte vaccino, stagionato dai 9 ai 14 mesi. Le mie forme sono dei cilindri larghi e bassi, e sullo scalzo potete riconoscere la puntinatura “Grana Padano”. Vengo prodotto in tutta la pianura padana, in un comprensorio che costeggia ma non si sovrappone a quello del mio cugino, il Parmigiano Reggiano: quasi tutta la Lombardia e una parte del Piemonte, Veneto e Romagna.

mangiami:

non per niente mi chiamano grana: la mia pasta è granulosa e con una nota sapida che aumenta mentre stagiono. Le note principali sono la frutta secca e il fieno, e un'intensità che non si trasforma mai in piccantezza.

varianti:

a nove mesi sono pronto con la mia prima stagionatura: la grana quasi ancora non si nota, la pasta è bianchissima, profumo di latte e di yogurt. Ma poi crescendo la mia grana si irrobustisce, comincio a rompermi a scaglie, i cristalli di calcio si solidificano e cominciano a mostrarsi come pois bianchi che punteggiano la pasta che ha preso un bel colore giallo paglierino.

come tagliarmi:

la mia forma viene divisa in ottavini e quindi porzionata in triangoli partendo a raggio dal centro della forma. Il modo ottimale per tagliare il Grana Padano è utilizzando il coltello a goccia, incidendo prima lo scalzo e il piatto della forma e quindi la pasta.

come usarmi:

in Italia si usa grattugiarmi ovunque, pasta, piatti di verdure, persino sulla carne; usando un coltello “affettagrana” si posso produrre sottilissimi petali di formaggio da mescolare nelle insalate, da adagiare su bistecche e costate alla griglia. Ma sono ottimo anche al naturale, scagliato a pezzettoni irregolari insieme a una mostarda piccante o a una confettura dolce.

storia:

come le confetture e le mostarde, il formaggio nasce storicamente dall'esigenza di conservare il latte prodotto in eccedenza. Questa esigenza nasce nella pianura padana all'inizio del XII sec., quando le bonifiche fatte dai monaci cistercensi aumentano la disponibilità di terre e quindi gli allevamenti. Da allora la tradizione del grana si è sviluppata in tutta la zona pianeggiante dell'Italia del Nord; e consolidata nel ventesimo secolo sotto un unico nome e un disciplinare di produzione rigoroso e di alta qualità.

dicono di me:

e perché il governo italiano, invece di una inutile e dispendiosa ambasciata piena di incapaci, non istituiva degli Istituti Dante Alighieri per il Divino Grana Padano? Aldo Busi “Vita standard di un venditore provvisorio di collant” (1985)




viale San Lorenzo 10, Pegognaga (Mn)

info@gourm.it

+39 0376 559539

IT02492130204



Privacy Policy

Lo shop è in fase di aggiornamento: potrai ordinare da Settembre 2017 Rimuovi